Joomla ServiceBest Web HostingWeb Hosting
Home Mammiferi Orso bruno
Messaggio
  • Questo sito utilizza i cookies. I cookie sono file memorizzati nel browser, utilizzati dalla maggior parte dei siti per personalizzare la navigazione. Utilizzando il nostro sito l'utente dichiara di accettare e acconsentire all' utilizzo dei cookies in conformita' con i termini di uso dei cookies.

    Leggi di più

Orso bruno


L’orso bruno è un mammifero onnivoro che vive principalmente in Europa, Asia e nell’America settentrionale. In Italia è diffuso l'orso bruno marsicano, Ursus arctos marsicanus una sottospecie che vive nell’Appennino centrale, in un’area compresa tra Umbria e Molise.

Corpo

L’orso bruno ha una folta pelliccia e una possente mole ricoperta da una folta pelliccia di color bruno. I peli hanno una punta bianca o argentata dando all’animale un aspetto brizzolato (grizzled in inglese da cui deriva grizzly).
Il peso nei maschi adulti raggiunge anche i 600 kg, mentre i piccoli alla nascita pesano circa 300 grammi.
E’ un plantigrado, infatti, quando si muove poggia l’intera pianta del piede sul suolo.
Il senso più sviluppato è sicuramente l’udito e l'olfatto mentre la vista è mediocre.
Sul dorso presenta una “gobba” costituita di muscoli tipica della specie che la distingue dalle altre.
Ai piedi presenta dei cuscinetti, adatti per il movimento, e degli artigli lunghi e appuntiti non retrattili, utili per scavare sottoterra alla ricerca delle radici o dei bulbi.
La lunghezza testa corpo è tra 1,70 a 2,80 metri, mentre l’altezza al garrese è tra gli 80 cm e i 130 cm.
La coda, corta e pelosa, è lunga 10 cm.La testa è larga e tonda con un profilo concavo.

orso bruno orso bruno

Comportamento

L’orso bruno è un animale solitario. Gli unici momenti in cui troviamo più esemplari in gruppo sono i periodi in cui abbiamo una madre con i piccoli o quando si riuniscono in luoghi dov’è abbondante il cibo.
E’ prevalentemente erbivoro con una dieta del 95% basata sulle piante. Si nutre prevalentemente di: radici, funghi, bacche, bulbi, nocciole, tuberi erbe, pesci, insetti, miele e frutti.
In inverno si ritira in semi-letargo (ibernazione), periodo che trascorre in una caverna o in una grotta dove costruisce un giaciglio di foglie, erba e ramoscelli. Il metabolismo rallenta, la temperatura corporea si abbassa e inizia a consumare i grassi accumulati durante l’inverno.
Le cucciolate, che varano da uno a due cuccioli nascono a gennaio o febbraio, rimangono con la madre per 2 anni e già dal sesto anno di vita completeranno la loro crescita.
Vive nelle praterie, nelle foreste temperate e nelle conifere sulle montagne. A volte si alza sulle zampe posteriori alla ricerca di fonti di cibo o per spaventare un eventuale nemico.

orso bruno orso bruno

Di solito si muove su tutte e quattro le zampe e raggiunge una velocità di 45 km/h.
Gli orsi adulti non hanno timore di scontrarsi con altri predatori, giacché possono competere da soli con branchi di lupi e grandi felini scacciandoli spesso dalle prede che questi ultimi hanno ucciso.
In natura può vivere dai 20 ai 30 anni, invece in cattività alcune specie raggiungono anche i 50 anni.
Nonostante la sua mole riesce facilmente ad arrampicarsi sugli alberi ed è inoltre un grande nuotatore.
Fortunatamente non è in rischio di estinzione. Tuttavia troviamo alcune zone, tipo in Italia, dove l’orso rischia di scomparire mentre in altre è in grande espansione.

 
Cerca nel sito
Foto casuale
Curiosità sugli animali
Piccoli ricci piccole spine


Le spine di un neonato di riccio compaiono entro poche ore dopo la nascita !!!

Newsletter
Trovaci su Facebook