Joomla ServiceBest Web HostingWeb Hosting
Home Mammiferi Facocero
Messaggio
  • Questo sito utilizza i cookies. I cookie sono file memorizzati nel browser, utilizzati dalla maggior parte dei siti per personalizzare la navigazione. Utilizzando il nostro sito l'utente dichiara di accettare e acconsentire all' utilizzo dei cookies in conformita' con i termini di uso dei cookies.

    Leggi di più

Facocero


Il facocero è un animale appartenente alla classe dei mammiferi, precisamente alla famiglia dei suini. Il suo nome deriva dal greco e significa “porco con le verruche” ha, infatti, sul grugno due grosse escrescenze che gli proteggono gli occhi.

Comportamento

Il facocero vive principalmente nella savana e nelle boscaglie dell’Africa.
E’ un animale onnivoro, si nutre perciò di erbe, bacche, cortecce e radici, ma anche di carogne, larve e insetti.
Può avere diversi livelli di socialità: un maschio può vivere con la compagna e i piccoli conducendo una vita solitaria oppure vivere in un gruppo con altri maschi; la femmina vive con i propri piccoli finché non raggiungono la maturità o in gruppi con altre femmine. I giovani maschi vivono in piccole comitive organizzate in gerarchie; raggiunta la maturità visitano i gruppi di femmine per accoppiarsi, ma solo l’individuo dominante ha il diritto di riprodursi. I cuccioli, dai quattro agli otto, vengono partoriti dopo una gestazione di 160 – 170 giorni all'interno di una tana, crescono in fretta e dalla terza settimana di vita iniziano a brucare l’erba.I suoi predatori principali sono: il leone, il leopardo, il ghepardo, il licaone e la iena macchiata. Quando scappa, si rifugia nella tana in retromarcia per non essere assalito a sorpresa.

Corpo

Il facocero ha un corpo tozzo e compatto, lungo dai 90 ai 150 cm, alto dai 55 ai 70 cm, e il suo peso varia dai 50 agli 80 kg.
Il pelo è rado e scuro, di colore nero o grigio. A volte appare giallastro per l’abitudine di rotolarsi nel fango per liberarsi dai parassiti.
Caratteristiche sono i suoi due canini (raggiungono una lunghezza tra i 20 e i 50 cm), che si sviluppano in ricurve zanne appuntite e fuoriescono dalla bocca. Li utilizza prevalentemente per difendersi o per scavare nel terreno alla ricerca di tuberi e radici. Presenta anche due canini inferiore di dimensioni minori, circa di 10 cm.
Le zampe sono corte ed esili, gli permettono di raggiungere una velocità massima di 55 km/h ma per brevi tratti.
La testa è piuttosto voluminosa rispetto al corpo ed è allungata e appiattita. Le orecchie sono piccole e appuntite, mentre gli occhi, anch'essi piccoli, si trovano nella parte alta della testa per controllare meglio il territorio e gli permettono una vista acuta.
Il pelo è più lungo sulla schiena formando così una sorta di criniera.
La coda è lunga e sottile, termina con un ciuffo di setole scure. Quando scappa, la rivolge verso l’alto.

 

Dedicato al mio amico Marco

 
Cerca nel sito
Foto casuale
Curiosità sugli animali
Perchè i romani allevavano le murene?

I nobili romani, come anche Giulio Cesare, allevavano le murene come simbolo di potenza. I più ricchi adornavano i propri esemplari con collane. Vedio Pollone, divertiva i suoi invitati offrendo in pasto alle murene gli schiavi disobbidienti !!!

Newsletter
Trovaci su Facebook